Argentina, chiesti 50 giorni di carcere per Passarella

Momento difficile per e il River Plate di cui è presidente. Per l’ex attaccante di e Inter, un pubblico ministero argentino ha chiesto oggi cinquanta giorni di carcere, una multa di 100.000 pesos (circa 18.000 euro) e l’interdizione dagli stadi per un anno, assicurando di aver raccolto “prove sufficienti” per rinviarlo a giudizio. Il magistrato ritiene l’ex difensore di ed Inter responsabile degli incidenti verificatisi il 26 giugno scorso, quando il River pareggiò per 1-1 con il Belgrano, con la conseguenza che venne retrocesso in B. Secondo l’agenzia di stampa Telam, il magistrato ha chiesto le stesse sanzioni anche per i massimi dirigenti del club. Il pm sostiene che, in occasione della partita, il River Plate, avrebbe fatto entrare nello stadio almeno 14.000 tifosi più del consentito, molti dei quali furono protagonisti di violenti incidenti, durante e dopo la partita, violando così il Codice sportivo che punisce “chi vende ingressi in eccesso”, con l’aggravante “in caso di disordini”. Il magistrato ha anche chiesto che lo stadio venga chiuso per 30 giorni. Il River tornerà a giocare nel Monumental domenica prossima, cioé dopo essere rimasto chiuso per cinque giornate, la sanzione inflittagli dalla argentina per gli stessi incidenti.

a.lugli

Segnalibro e Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*