Calciopoli, associazione per delinquere. Franco Sensi lo disse nel 2002

”Siamo primi nella classifica degli ammoniti? Si stanno preparando per le partite con la Juve, l’Inter e il . Queste sono organizzazioni a delinquere.Certamente io non lascerò passare indenne tutto. Ormai conosco bene questa storia, la conosco, la subisco, qualche volta reagisco e mi faccio sentire più pesantemente”.

Era il 2002 ed a parlare era l’allora presidente della Roma Franco Sensi. Parole che, a distanza di quasi 10 anni, con la condanna in primo grado di Luciano Moggi e di buona parte degli altri imputati per lo scandalo Calciopoli tornano improvvisamente attuali.

Sensi, morto tre anni prima della sentenza dopo una lunga malattia, per quelle dichiarazioni fu deferito dalla Federcalcio e soprattutto attaccato con durezza da buona parte della stampa sportiva.

L’allora direttore della dello Sport, Pietro Calabrese disse: “Sensi ha una certa età e a mio avviso non sa più quello che dice, non solo, ma bisognerebbe che Franco Sensi venisse tenuto a casa dove non può fare danno”. Ancora più duro l’allora editorialista dello stesso giornale, Gianmaria Gazzaniga: “Io ho stima di Sensi eccetera, ma i discorsi che ha fatto sono assolutamente deliranti e sfuggiti per caso alla legge Basaglia.”

a.lugli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*