Calciopoli2: Tanto chi se ne frega

Con questo articolo inizia la collaborazione di Calciostruzzo con Quicalcio.com qui potretre trovare l’incipt all’articolo con il riamndo alla lettura presso il sito dell’autore.

Tanto chi se ne frega!!!!!! divagazione su Calciopoli 2
E’ notizia fresca fresca che sarebbero emerse altre intercettazioni nell’ambito di Calciopoli.
E io voglio parlarne subito, senza aspettare gli sviluppi, senza saperne troppo, tanto non mi serve entrare nel dettaglio. Per me, infatti, il punto non è chi ha fatto cosa ma quel che ne consegue in termini puramente sportivi, quindi non corro nemmeno il rischio di dovermi rimangiare la parola o dir male di qualcuno. Dir male, poi, non è bello.

Allora, questo nuovo cosiddetto scoop non mi sorprende. Saltate fuori queste nuove intercettazioni, poi, chissà quante ne resteranno ancora insabbiate, al solito… Non mi sorprende nemmeno il fatto che questa novità processuale, di portata non inferiore a quelle di quattro anni fa, sia stata riportata con diversa enfasi dai vari mezzi d’informazione. E non m’interessa dilungarmi troppo sul fatto che i protagonisti di queste conversazioni presumibilmente proibite siano coloro che nel 2006 la scamparono per cavilli che sono suonati un insulto all’intelligenza nel momento in cui tutto ruotava intorno alla cosiddetta lealtà sportiva, rivelatasi alquanto impalpabile, o perché magari avevano stretto alleanze o tessuto una certa tela che nel aveva solo un terminale di facciata… e che l’abbiano fatto pure con le parti più insospettabili, coi rivali di sempre, cittadini e non, fra cui quelli che hanno velocemente accettato (?) di essere fatti fuori, chi lo sa… Tesi, quest’ultima, che mi affascina soprattutto perché su una delle due stagioni messe al microscopio nel 2006 non si è poi deciso nulla, come a dire che tanto l’obiettivo era stato raggiunto e non era certo la legalità che si stava cercando di ristabilire. Sempre, intendiamoci, stando a quel che si è sentito e in base alla mia sensibilità, che non pretendo sia la stessa di altri.

Continua a leggere sul sito dell’autore

Segnalibro e Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*