Calciostruzzo dice: World Circus

Gentilmente concesso da Calciostruzzo

Dopo una stagione davvero estenuante, lunghissima, risoltasi solo con la finale di , all’ultima giornata di e, non dimentichiamolo, con le consuete appendici di playoff e playout per le altre categorie, i Mondiali avevano tutte le carte in regola per far rifiatare i tifosi italiani. Soprattutto quest’anno, con l’appoggio alla Nazionale di Lippi in netto calo e la presumibile conseguenza che, dovessero fallire gli azzurri cui comunque si è sempre in tempo per tornare ad amare nel caso invece trionfassero, se anche il Brasile, l’Argentina o l’Inghilterra dei nuovi beniamini di gran parte dei nostri connazionali non arrivassero fino in fondo nessuno si dispererebbe.

Eppure alcuni particolari di questi Mondiali, per la verità nemmeno troppo nascosti o secondari, mi hanno fatto sussultare. E’ successo a me e non mi aspetto che anche altri abbiano avuto questa reazione, ma tant’è.

Mi riferisco a pallone e riprese televisive, simboli inequivocabili della direzione che ha preso il di oggi.

A proposito di direzione, o meglio di traiettoria, la palla si capisce quant’è leggera anche solo vedendola in televisione e ha già creato diverse situazioni di particolare imbarazzo. Innanzitutto i portieri, tutti, non sanno come affrontare i tiri da fuori e si contano sulle dita di una mano le prese che hanno effettuato. ………..S
la lettura continua alla fonte: CALCIO STRUZZO

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*