Cambiasso: Oggi le squadre difendono e attaccano con dieci giocatori

Esteban comincia con la sua Inter la nuova avventura in League e vuole cominciarla bene, dopo la sconfitta di domenica sera a Palermo. L’attualità impone anche a lui di commentare le scelte di Gasperini. “La mia sensazione – ha detto – è che soffermarsi su una linea a tre o a quattro dietro sia sbagliato. Oggi, nel calcio moderno, le squadre difendono e attaccano con dieci giocatori. Io nella mia carriera ho vinto e anche perso con quattro difensori, il problema è l’equilibrio”. “Sapevamo – aggiunge – che il mister predilige il modulo difensivo a tre, ma ridurre tutto a questo è sbagliato, il calcio è molto più complesso”.

Contro il Trabzonspor probabilmente Gasperini attuerà i primi cambiamenti, richiesti anche stamattina da Moratti in persona. “Ma prima – ha aggiunto Cambiasso interrompendo l’ennesima domanda sugli schemi di gioco – dobbiamo capire qual è il problema. Non è pensabile che dopo aver perso una partita si debba sentir dire che dobbiamo cambiare tutto, dal presidente al magazziniere. Quando si perde ci sono sempre cose che non funzionano, e pure sul 2-2 tutti credevano che l’Inter avesse la partita in mano. Abbiamo perso con due tiri da lontano e non troviamo scuse per gli episodi sfavorevoli che pure ci sono stati. Ma se fosse andata diversamente, non ci sarebbe stata crisi né discussioni sugli schemi difensivi”.
Cambiasso comunque vuole subito girare pagina: “Ora c’é la Champions nella quale vogliamo partire bene e vincere, al di là dei moduli e dei nomi. Contro i turchi dovremo stare attenti alle loro ripartenze perché loro ci aspetteranno, staranno larghi e cercheranno di metterci in difficoltà. Noi però abbiamo un solo risultato e vogliamo cominciare da domani una grande stagione”.

Alessandro Lugli

Segnalibro e Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*