I miti del calcio: Diego Armando Maradona

Diego , è stato il giocatore di calcio, più forte di ogni tempo. Era capace da solo di vincere le partite più difficili, trattasi di finali di Coppa del Mondo, o di campionati.
Maradona non è stato un grande calciatore, Maradona è stato, è e sarà per sempre il calcio, in tutte le sue sfaccettature. Era la fantasia del calcio, ma anche la tecnica, palleggiatore instancabile, ed impareggiabile, poteva fare anche mille palleggi consecutivi, giocoliere e pragmatico allo stesso tempo del calcio, la sua inventiva badava al sodo, con una classe eccelsa, che ancora nessun mortale ha eguagliato.
Maradona senza voler essere blasfemi, era il Padreterno del calcio, fatto uomo. Sapeva palleggiare anche con una mazza di basball. Il suo apice maggiore, dato che la sua carriera è stato tutta un ‘apice, è stato fra le altre cose la Coppa del Mondo vinta nel 1986 in Messico, quando da solo, battè, tutte le squadre che l’Argentina , incontrò fino a giungere alla sospirata coppa.
Maradona ha fatto vincere al , due scudetti, una Coppa Uefa, una Coppa Italia , una Supercoppa di Lega, due secondi ed un terzo posto in sette anni, ad una squadra che in 60 anni non aveva vinto nulla. Secondo con la nazionale argentina ad Italia 90. Maradona aveva tutto, anche di testa sapeva farsi valere. Il suo gol più bello resta quello all’ Inghilterra dei mondiali 86, realizzato scartando 6 giocatori, portiere compreso. Ma anche il secondo gol al Belgio, come maestria è simile a quello fatto all’Inghilterra. Maradona ha portato il sulla vetta del mondo calcistico. Mentre l’esperienza catalana del fu molto squallida se si esclude la conquista della Coppa del Re.

Maradona , e Pelè hanno rappresentato il massimo delle loro epoche. E’ difficile dire chi sia stato più bravo. Certo è che Maradona, è riuscito ad imporsi anche in Europa, dopo gli inizi straordinari in Argentina , nel Boca Juniors e nel River Plate. Ove vinse anche uno scudetto (Boca). Maradona : il più grande giocatore del mondo di ogni epoca.
Alessandro Lugli

Segnalibro e Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*