L’inter continua la marcia di avvicinamento

Il motto in casa Inter è Vincere, per continuare a sognare. Confermato il turno di riposo per Cambiasso e Sneider. La sorpresa è
rappresentata da Pandev. Il macedone agirà insieme ad Eto’o e Kharja alle spalle di Pazzini.

Il sogno degli uomini di Leonardo continua. Una vittoria sofferta, conquistata nel primo tempo e difesa nella rirpesa. Un buon quello che si presenta al Meazza tiene testa alla formazione nerazzurra per tutti e novanta i minuti. Bene nel primo tempo Pandev e salvo poi crollare nella ripresa. I rossoneri intanto sono a meno 2 (con una gara in meno) e per questa Inter è ancora lecito sognare.

PRIMO TEMPO – Inter e Cagliari danno vita ad un primo tempo molto divertente. Continui capovolgimenti di fronte e rapide ripartenze e ritmi altissime con due squadre che si affrontano a viso scoperto. Bastano 6 minuti ai nerazzurri per trovare la rete del
vantaggio, punizione dal vertice destro dell’area di rigore del Cagliari battuta il velocità per il centrocampista marocchino Kharja
che conclude a rete per due volte trovano la deviazione vincente di Ranocchia sulla secondo conclusione. Molto bene Pandev, bravo ad accorciare e rapido a far ripartire le azioni offensive dei nerazzurri.
Sale anche Nagatomo. Dopo la prova non proprio edificante di Firenze il piccolo giapponese sembra aver trovato la formula giusta.

LA RIPRESA – Donandoni aveva promesso battaglia e guerra è stata. Il suo Cagliari nella ripresa entra in con una
verve diversa. Arrembante e sfortunata la formazione isolana nella rirpesa mette sotto pressione i nerazzurri confinandoli nella propria metà campo. Qualche spunto per gli uomini di Leonardo ma niente di più. È il Cagliari invece a sfiorare in più occasione la rete del pareggio senza centrare mai la porta. Cala nella ripresa Pandev così come Nagatomo mentre encomiabile come sempre Capitan Zanetti per il quale qualunque aggettivo sarebbe superfluo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*