Un brutta tegola per l’inter…Forlan infortunio in Nazionale

 

FORLAN FERMO DUE SETTIMANE.
Almeno due settimane di stop per Forlan.
La notizia è arrivata nella notte di martedì, al termine della gara di qualificazione ai tra Uruguay e Paraguay ad Asuncion finita 1-1. Anche se bisognerà attendere gli accertamenti di rito, già in programma per questo pomeriggio ad al rientro del Cacha dal Sud America, per l’ufficialità. Ma per la trasferta di sabato a Catania dovrà fare sicuramente a meno di Diego Forlan.

L’ex dell’Atletico Madrid, dopo aver sbloccato il risultato contro il Paraguay superando Hector Scarone nella classifica dei bomber più prolifici della Celeste (con 32 gol in 84 presenze in nazionale), ha lasciato, infatti, il all’ 83’ per un fastidio al bicipite femorale. «Ancora non so cosa sia – ha confidato il nerazzurro nel post-partita -. Ho avvertito una fitta e non potevo continuare a giocare. Adesso bisogna aspettare quando tornerò a Milano. L’azione dell’infortunio? Ho buttato la palla in avanti e poi ho sentito un dolore, e così mi sono fermato. Sicuramente dovrò stare fermo un paio di settimane». Più pessimista, invece, il dottore della nazionale uruguagia, Alberto Pan. «Andremo in Italia per fare la risonanza e seguiremo l’evoluzione dell’infortunio. Non credo, però, che si tratti di qualcosa da niente».

In ogni caso, una brutta tegola per Ranieri, che aveva già in mente la coppia -Pazzini (visti i 173’ minuti disputati da Forlan contro Bolivia e Paraguay) per Catania e che rimarrà ora con una sola alternativa in attacco () ai due centravanti, almeno, fino alla fine d’ ottobre. L’obiettivo di Forlan, esami permettendo, potrebbe essere infatti il big match del 29, al Meazza, contro la . O la gara di League del 2 novembre, a Milano, contro il Lille.
Già arruolabili per Catania Chivu, Lucio e Pazzini, recuperati a tutti gli effetti. Sempre in dubbio, infine, Sneijder e Thiago , a parte nella seduta di ieri e in odore di rientro nella trasferta europea di martedì a Lille.

Fonte Pianeta nerazzurro

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*